Menu principale
Home Page
Progetti
Video
Pensieri...e lettere da Gatare
Cosa č stato fatto finora
Le nostre missioni
Come puoi aiutare la missione
Bomboniere ruandesi? Contattateci!
Fotogallery
Tesi di Laurea e pubblicazioni
Ringraziamenti
Vuoi diventare socio e/o partecipare ad una missione?
Leggere attentamente prima di partire
Contattaci
Archivio Notizie
Cerca nel sito
Iscriviti alla newsletter
Dona con Paypal


Komera Rwanda su:

facebook.png
 

wikipedia.png

Twitter

Segnaliamo inoltre:

 

logo nigrizia

 

 

 

 logo padri bianchi   

 

 

 

 

 

 

 

Centro Intiganda 

 

 


Pace e No Profit

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Home Page
Anche quest'anno puoi aiutare la missione di Gatare. Dona il 5 per mille dell'IRPEF a Komera Rwanda!
ImageAnche quest'anno 2014 nel modello della dichiarazione dei redditi (CUD; 730; Unico) è prevista la casella per dedicare il 5‰ dell' IRPEF alle organizzazioni di volontariato riportando nella apposito spazio il codice  fiscale della associazione che volete sostenere.
Questo è il nostro:   95095740106
Leggi tutto...
Lettera da Suor Marilena di Mathare Valley (Kenya)

Carissimi amici di KOMERA RWANDA,

con molto ritardo sono qui a dirvi GRAZIE, a nome dei nostri amici di Mathare e Kakuma, per la vostra vicinanza e solidarietà.

Questa volta non vi scrivo da Nairobi ma da Cuneo dove mi trovo da fine settembre per il mio anno “di deserto” (altri lo  chiamano “anno sabbatico). Dopo 6 anni d’immersione in Mathare sento il bisogno di uno stacco per riprendere in mano il vissuto di qs ultimi anni, per “ossigenare” il cuore e la mente, per imparare cose nuove attraverso le esperienze di sorelle e fratelli che come me vivono il loro anno di deserto in Comunità qui a Cuneo, per condividere le ricchezze ricevute in questi ultimi 6 anni….

Si, ho ricevuto tanto dalla nostra gente, da quelli che sono considerati “poveri” perché materialmente non possiedono tante cose ma in realtà con la loro vita, con la loro esperienza ci trasmettono delle ricchezze impagabili…Come Agata…

Agata, è mamma di due bimbe, con una cuginetta di 8 anni in affido e…vedova. L’abbiamo conosciuta pochi anni fa quando stava passando un momento molto difficile per la salute e coltivando l’amicizia con lei abbiamo conosciuto la sua storia. Orfana di entrambi i genitori è stata “adottata” da una zia ma ben presto, verso i 5 anni è finita a vivere sulla strada dove ha visto e subito ogni forma di violenza da parte dei compagni di strada e della polizia, della gente “per bene” e malviventi. Sulla strada però ha incontrato un giovane che le si è affezionato e l’ha sposata e dal quale ha avuto le due bimbe, Alice e Catherine. Anche da sposata la vita non è stata facile per Agata perché il marito rubacchiava e faticava a tenere un lavoro onesto ma entrambi sentivano che l’essere genitori di due bimbe, il desiderare per loro una vita migliore comportava che si impegnassero a cercare una lavoretto onesto ma i lavori non piovono dal cielo e se lo sono inventati loro diventando venditori ambulanti e cercando lavori saltuari….e ce l’hanno fatta. Purtroppo però il marito ha avuto un incidente e nel giro di poco tempo è morto lasciando sola Agata e le bimbe. Sembrerebbe quasi logico che Agata tornasse alla vita di prima e invece no; della vita di prima ha conservato una grande capacità di cogliere la sofferenza degli altri, degli ultimi, di non passare accanto a nessuno in modo indifferente: si lascia coinvolgere e cerca di offrire il suo aiuto…e coinvolge altri e il cerchio della carità si allarga. Agata nonostante una vita di sofferenza enorme ha conservato una trasparenza e una limpidezza che colpisce subito chi la incontra, un cuore grande capace di amare e trasmette questo amore alle sue bambine che sono la sua gioia e la sua meraviglia perché dopo tutto quello che ha passato negli anni della strada pensava che non sarebbe mai potuta diventare mamma. Anche la nostra “famiglia” di Mathare si è allargata perché Agata è una delle nostre collaboratrici: si è sentita accolta e accompagnata nel momento del bisogno e ora vuole anche lei essere un ponte per raggiungere chi è più ai margini….Per noi Agata è uno dei tanti miracoli che il Signore opera per dirci che Lui è veramente il Padre dei Poveri e che ognuno di noi nella sua povertà può abbandonarsi nelle Sue mani.

Di Kakuma vi dico che…è una missione bellissima. La sentiamo una di quelle “frontiere” di cui parla Papa Francesco perché oltre che ad esserlo geograficamente (il campo profughi si trova a non molti km dai confini di Sud Sudan e Uganda) ci porta alle frontiere dell’umanità. I profughi ospitati arrivano da diverse Nazioni africane…anzi è meglio dire sono sradicati da diverse Nazioni africane (perché è questa la realtà, perché nessun africano della zona dei Grandi Laghi lascerebbe le sue terre fertili per andare a vivere in un deserto!!) e si portano dietro un bagaglio di sofferenza immenso. Le nostre sorelle, Renata e Elisabetta, seguono due gruppi di donne insegnando loro l’inglese e questo è anche uno spazio che le mamme hanno per potersi aprire, per poter condividere le tragedie che si portano in cuore e nella mente e per sentirsi accolte da qualcuno che le ascolta, che pur non avendo soluzioni in tasca si avvicina in modo discreto alla loro “storia sacra” per offrirla al Signore nella preghiera. Il nostro compito nel campo è proprio anche quello di essere “intercessione”, cioè di essere in ginocchio per loro…ma di nuovo sono loro, i profughi, che ci ricordano chi siamo: delle consacrate chiamate a testimoniare la tenerezza e la misericordia di Dio, perché è così che ci accolgono e ci vedono…

Grazie a ognuno di voi per la sensibilità che avete nell’allargare i vostri orizzonti verso persone che non conoscete perché vivono nell’altro emisfero ma che considerate sorelle e fratelli e con i quali condividete con il cuore, con gioia.

Vi saluto a nome di tanti amici e delle sorelle e dei fratelli del Kenya

Con grande riconoscenza

Marilena

 

 

Ringraziamenti dal Rwanda per il Progetto "Natale"

Carissimi Amici,
Grazie di cuore per aver voluto aderire con il vostro contributo al nostro Progetto Natalizio 2013.

Continua la lettera

Auguri e ringraziamenti dal Kenya

Nel 2012 abbiamo sostenuto il dispensario di Nthagaiya (Kenya)delle Suore Elisabettine Francescane per l’ampliamento delle sale di visita. Quest’anno la nostra associazione ha contribuito all’acquisto di un “Chemistry analyser” per l’esecuzione di esami di laboratorio, il tutto con lo scopo di migliorare la qualità delle prestazioni sanitarie per una fascia di popolazione particolarmente povera .

Qui sotto è riprodotta la lettera della responsabile, suor Elisa Martignon, alla nostra associazione:

Image
Foto del dispensario
Image
Suor Elisa con tecnici e il chemistry analyser

Gentile Associazione Komera Rwanda .
Un cordiale saluto dal Kenya, Nthagaiya.
Ancora una volta ho la gioia di esprimere il mio grazie per il generoso aiuto ricevuto dall’Associazione Komera Rwanda, sponsorizzandomi la macchina Chemestry Analyser. Ne sono veramente grata a voi per avermi dato la possibilita’ di realizzare questo progetto a beneficio di tanta gente. Ora il laboratorio analisi, sta lavorando molto bene, riusciamo a eseguire circa 800 tests al mese, questo ci permette di dare qualita’ al nostro servizio curando bene i pazienti che vengono nel nostro dispensario.
A ciascuna persona e loro famiglie che fanno parte di questa Associazione esprimo di cuore il mio grazie accompagnato da un augurio di Buon Natale e Prospero 2014.
Il Signore vi benedica e ricompensi ciascuno a seconda dei vostri desideri.  
Un caro saluto.
Sr Elisa Martignon (Nthagaiya )

Da 2 anni la nostra Associazione dà anche sostegno al dispensario di Kahawa (Nairobi) delle Suore Elisabettine Francescane per le cure dei pazienti poveri , in particolare HIV positivi adulti e in età infantile e dei pazienti con diabete . A Febbraio 2013 Enrico ha fatto visita alla struttura per valutare le necessità più urgenti e conosciuto le responsabili dei settori sanitario e sociale, Sr. Judy e Sr. Elisabeth. Resta aperta per il 2014 la possibilità di una collaborazione a livello formativo pediatrico indirizzata allo staff sanitario del Centro.

Subito sotto è riprodotta la lettera della Superiora, Suor Paola Manildo, per la nostra Associazione:

Image
Esterno del dispensario
Image
Interno del dispensario

Carissimo dott. Enrico e amici dell'associazione "Komera Rwanda",
da parte delle sorelle della mia comunita' e in particolare sr. Judy e sr. Elizabeth, desidero porgere i nostri piu' sentiti auguri di buon Natale e buon anno nuovo a tutti voi.
Ma il mio augurio e ringraziamento e' soprattutto a nome dei tanti beneficiari del vostro impegno solidale, che da oltre due anni possono godere di un supporto nelle cure presso il nostro Dispensario di Kahawa (Nairobi).Tra questi la maggior parte sono pazienti HIV positivi, che hanno potuto ricevere supporto nelle cure di infezioni opportunistiche, tests di laboratorio relativi all'andamento della malattia e in alcuni casi trasporto all'ospedale. I pazienti iscritti alla nostra CCC (Comprehensive Care Clinic) hanno superato quest'anno le mille unita' e pertanto il nostro criterio, come sempre, e' stato quello di privilegiare i piu' poveri. Sempre grazie al vostro aiuto stiamo tentando di creare una buona rete di supporto domiciliare ai pazienti piu' gravi. In alcuni casi, oltre al supporto medico, abbiamo esteso l'aiuto offrendo cibo e supporto 'sociale' a figli piccoli dei pazienti, cercando di operare cosi' in modo integrato per favorire un approccio piu' 'olistico' ai problemi che la malattia porta con se' come conseguenza.
Da qualche tempo inoltre abbiamo ampliato l'aiuto anche ad alcuni malati diabetici e sempre presso il dispensario sta nascendo un gruppo di self-help di supporto a questa categoria di pazienti che in Kenya sembra essere in aumento.
Grazie di cuore per quanto fate per tutti loro e del sostegno, amicizia e stima che ci riservate.
Rinnoviamo a ciascuno di voi il nostro piu' caro augurio, unito alla preghiera per voi e le vostre famiglie.
 Sr. Paola e sorelle (Kahawa)

Continua la collaborazione con “Smile Mission “ o.n.l.u.s.

Image

Prosegue intensa  la collaborazione con Smile Mission   o.n.l.u.s., in attesa che possa prendere il via l'attesa scuola per "dental practinioner e odonto protesisti" a Gatare. Per questa siamo sempre in attesa del parere favorevole del ministero della Sanità Rwandese, dopodiché il progetto sarà pronto a prendere ufficialmente il via.

Nel frattempo sono proseguite nel 2012  le missioni  odontoiatriche , affidate alla consolidata organizzazione e  pluriennale esperienza di Smile Mission . In tale periodo si sono svolte 3 missioni , a Gennaio, Marzo e Settembre 2012  , nel corso delle quali è  stato consolidato l’impiego del nuovo ambulatorio /laboratorio costruito  a fine Luglio 2011 , continuando l’assistenza  alla popolazione di Gatare  e la messa a punto  di protesi odontoiatriche , che nel corso dell’ultima missione , a Settembre 2012, sono state prodotte integralmente a Gatare.

Vi invitiamo a consultare il sito di Smile Mission, per conoscere il loro modo di lavorare nei P.V.S.

Nello stesso sito è riportata un'ampia pagina sullo stato del progetto a Gatare: questo il link

 
Komera Rwanda - Associazione di volontariato
Genova - Italia
email: info@komerarwanda.org
Codice Fiscale 95095740106

Mambo is Free Software released under the GNU/GPL License.