Stampa questa pagina

XXIX missione - Marzo 2016

PARTECIPANTI:

Giorgio Lucigrai, Giuseppe Cervo, Anna Nuzzolese, Maura Borelli, Ilaria Caviglia, Francesca Pezzolo, Mauro Moretti, Silvia Zaffarano.

 

Alla nostra 29° missione in Rwanda, svoltasi dal 5 al 25 marzo 2016, hanno partecipato in tutto da ben 10 volontari.

La prima parte della missione è partita da Milano Linate la mattina del 5 marzo. Guidata da Giorgio Lucigrai, pediatra e radiologo-pediatra, vice presidente di "Komera Rwanda!", e stata composta da Giuseppe Cervo, cardiochirurgo, Anna Nuzzolese e Maura Borelli, infermiere pediatriche, Ilaria Caviglia, biologa epidemiologa, Francesca Pezzolo, pediatra, Mauro Moretti, radiologo e Silvia Zaffarano, giovane medico aspirante ad una formazione pediatrica.

Tranne Giorgio e Francesca, che hanno una lunga esperienza missionaria in Rwanda, gli altri partecipanti alla Missione erano alla loro prima esperienza in Africa con "Komera Rwanda!"

Compito prevalente di questo gruppo di volontari è stato quello di continuare le attività già avviate nell'ambito del “Progetto Pediatria” riguardanti il follow-up sanitario dei bambini dell'asilo di Gatare e di quelli sparsi sul territorio che non riescono, per vari motivi, a frequentare l'asilo e del “Progetto Piccola Chirurgia ambulatoriale” avviato due anni fa dal dott. Piero Scarsi e portato avanti in questa missione dal dott. Giuseppe Cervo.

E' stato inoltre valutato lo “stato dell'arte” degli altri progetti avviati a Butare ed a Gatare e sono state poste le basi per nuove iniziative a tutela della popolazione più povera quale, tra le altre, il sostegno alla casa per ammalati di AIDS “Notre-Dame de la Visitation” presa in carico dalla Missione delle Figlie del Divino Zelo di Butare.

Il 19 marzo hanno raggiunto il Rwanda Federica Lipari e Fulvio Bertamini, esperti in organizzazione di viaggi. Mentre il primo contingente di volontari ha lasciato Gatare il 21 marzo, Giorgio Lucigrai è rimasto ancora con Fulvio e Federica per valutare la fattibilità di un progetto di “turismo solidale e sostenibile” atto a far conoscere la realtà povera della popolazione del sud del Rwanda e l'impegno di chi dedica le proprie energie per migliorare le loro condizioni di vita.

La missione si è conclusa definitivamente il 26 marzo con il rientro in Italia di Giorgio, Fulvio e Federica.